’10

1910 – L’idea del volo

Agli inizi del secolo nasce a Torino la fabbrica di aeroplani “Società anonima per costruzioni aeronautiche ing. Ottorino Pomilio”, fornitrice della Real Casa Savoia. 1000 i dipendenti che lavorano nello stabilimento in corso Francia, che produce 150 aerei al mese. I prototipi innovativi progettati da Ottorino Pomilio insieme all’ingegner Corradino D’Ascanio interessano il governo USA, che invita i fratelli a contribuire al programma aeronautico americano: nel 1918 nasce ad Indianapolis la società Airplane Pomilio Brothers.

’20

1920 – L’idea della carta

Ottorino e Umberto Pomilio danno vita a Napoli alla “Elettrochimica Pomilio” e brevettano il “processo Pomilio”, che permette di ricavare la cellulosa dai cereali e la paglia con basso impatto ambientale ed economico. L’ingegnosità del metodo, ancora oggi celebrato dalla Enciclopedia Treccani, ne favorisce la rapida diffusione in Europa e Sud America.

Comunicare la trasparenza

Comunicazione, etica e trasparenza. Una riflessione a più voci tra economia, media, giustizia e società.

Per una nuova cultura della responsabilità

Il libro raccoglie una serie di riflessioni relative al tema della trasparenza, intesa come strumento di garanzia etica e valore comune a diversi settori: giustizia, politica, pubblica amministrazione, economia, cultura, mass media. Una trama all’interno della quale la comunicazione si candida a giocare un ruolo allo stesso tempo trasversale e altamente specifico: quello di un vero e proprio “facilitatore etico”, in grado di fare della trasparenza non solo l’oggetto di regole deontologiche specifiche, ma uno strumento di valutazione e regolazione multidisciplinare.Si tratta in altri termini di passare dalla trasparenza come garanzia di una buona comunicazione alla buona comunicazione come garanzia di trasparenza tout court, chiedendosi non più “Come deve essere la comunicazione per essere corretta e trasparente?” bensì piuttosto “Come la comunicazione trasparente può aiutare a garantire una regolazione etica in qualsiasi campo di attività, sia pubblico che privato?”.Il volume prova a rispondere a questa domanda attraverso uno sguardo multifocale, articolato in tre sezioni: “Riflessioni”, con i contributi di esperti provenienti da diversi ambiti e discipline; “Analisi”, dedicato agli aspetti più propriamente comunicativi e tecnici; e “Punti di vista”, che raccoglie valutazioni e opinioni di più largo respiro attraverso la visione di alcuni autorevoli interpreti della società.

Livio Pomilio

Il Capostipite

Ingegnere civile, fu uno dei principali artefici della infrastrutturazione viaria e dell’edilizia pubblica in Abruzzo durante l’età giolittiana. Precorrendo i tempi, volle garantire ai nove figli una formazione tecnico-scientifica di alto livello, anche attraverso esperienze all’estero, all’epoca piuttosto rare. È con lui che prende il via la storia imprenditoriale e culturale della famiglia.

La storia

L’avventura nel mondo della comunicazione portata avanti da Pomilio Blumm è solo un tassello del mosaico incredibilmente vario di attività imprenditoriali ideate e realizzate nel corso del tempo dalla famiglia Pomilio. Una storia familiare, culturale e industriale che parte dagli inizi del Novecento per attraversare i decenni fino al presente, tra ingegneria, chimica, aeronautica, economia, scienze umanistiche.

Oltre la pubblicità

Oltre il marketing. La vision progettuale e operativa di Pomilio Blumm ha scelto di superare i vincoli di un advertising ormai bloccato dalle sue stesse regole e modelli a favore di una visione integrata e contaminata della comunicazione. La nostra sfida sta nell’affrontare questa complessità, costruendo intorno a ogni obiettivo specifico un sistema di comunicazione multidimensionale e mai definito a priori, tagliato e calibrato sulle singole situazioni e capace di fare da contesto e sostegno a ogni azione che mettiamo in campo. Una nuova specie della comunicazione, per muoversi nel nuovo ecosistema sociale e culturale, cresciuto intorno alle esigenze di un cittadino-consumatore che nessuna delle vecchie teorie riesce a comprendere e decodificare fino in fondo. Noi proviamo a farlo sul campo. Ma anche portando alla luce nuovi modelli, visioni e idee.

Biz Stone

Co-fondatore e direttore creativo di Twitter

Social Media

Secondo Time Magazine, “una delle persone più influenti al mondo”. Con la sua formula dei 140 caratteri ha rivoluzionato il modo di comunicare sui social network. La sua visione imprenditoriale innovativa è fonte privilegiata per la progettazione e la realizzazione delle nostre azioni strategiche sul web.

Zygmunt Bauman

Profeta della società liquida

Modelli e teorie sociali

Tra i più autorevoli sociologi contemporanei, da sempre attento osservatore della postmodernità e delle dinamiche di globalizzazione. Nel 2011 ha intrattenuto con Pomilio Blumm una intensa conversazione sul tema delle rivoluzioni comunicative, rafforzando e perfezionando la nostra filosofia operativa e interpretativa dello scenario attuale.

Alastair Campbell

Consulente strategico e giornalista

Crisis management

Definito dal Times «il più autorevole esperto di comunicazione del governo britannico degli ultimi decenni». Consigliere d’immagine e di media relation di Tony Blair, le sue “dieci regole d’oro” per affrontare una crisi sono alla base dei piani strategici elaborati da Pomilio Blumm per una corretta gestione dell’informazione in situazioni di emergenza.

Geoff Mulgan

CEO dell’associazione NESTA

Innovazione sociale

Tra i policy makers più interessanti d’Europa, già consulente del governo di Tony Blair. Dal proficuo confronto con Pomilio Blumm sulle nuove forme di progettazione e produzione collaborativa sono emersi interessanti spunti su come sviluppare e incentivare l’interazione tra utenti e pubbliche amministrazioni.

Tim Atkin

Editorialista e critico enologico

Food and Beverage

Uno dei più autorevoli critici enologici europei, nel 2001 è stato insignito del prestigioso titolo di British Master of Wine. La sua rubrica su The Observer è da tempo un punto di riferimento primario per il mercato enologico britannico. Scrive su The Economist, Observer Food Monthly, The Sunday Times. In tv è esperto food and wine per BBC e Carlton Food Network. La sua variegata esperienza sul campo ci aiuta a muoverci strategicamente in uno dei settori più interessanti della comunicazione attuale.

Roger Abravanel

Presidente Insead Council Italia

Società del merito

Tra i più autorevoli esperti internazionali di merito. Già director di McKinsey, è autore del “Piano nazionale per la qualità e il merito” voluto dal MIUR. Attualmente presiede per l’Italia l’Insead Council, tra i più reputati centri di studi economici al mondo. Editorialista del Corriere della Sera, nel 2008 ha pubblicato il bestseller “Meritocrazia”.

Nils Ole Oermann

Consulente e docente di etica dell’economia

Etica e responsabilità sociale

Direttore del Programma su religione, politiche ed economia alla Humboldt University di Berlino, è stato assistente personale del presidente federale Horst Köhler; attualmente è consulente del ministro degli interni tedesco Wolfgang Schäubl del Governo Merkel.

Ginger Lew

CEO Three Oaks Investments LLC

Etica economica

È stata a lungo referente primario del governo americano per le politiche di integrazione di genere. Già presidente di NASDAQ, organismo borsistico di New York, è membro direttivo del Consiglio Nazionale Economico della Casa Bianca, nominata dal segretario di Stato americano Hillary Clinton, nonché CEO di Three Oaks Investments LLC, una delle principali società di consulenza finanziaria americane.

Michael Fertik

Fondatore e CEO di Reputation.com

Reputazione online

Pioniere della web-reputation, è membro del World Economic Forum Global Agenda Council sulla Internet Security. “Leader di pensiero nel campo della privacy digitale e della reputazione on-line” (ABC), le sue indicazioni e linee guida costituiscono per Pomilio Blumm un riferimento fondamentale per la gestione delle dinamiche di costruzione e diffusione dell’immagine in rete.

Mons. Paul Tighe

Segretario del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali

Comunicazione e identità

Laureato in legge alla University College di Dublino e in teologia all’Università Gregoriana di Roma, ha svolto diversi incarichi nel settore della comunicazione ecclesiastica. Nel team che ha gestito la nascita del profilo Twitter del Papa, ha intrattenuto con Pomilio Blumm un’articolata riflessione sul tema della trasparenza.

Harper Reed

CTO di “Obama for America”

Web strategies

Definito “la mente high-tech di Obama”, ha introdotto un metodo di analisi ed elaborazione degli Open Data destinato a segnare una svolta epocale nel settore. La sua pionieristica visione del web è un input stimolante per la corretta gestione e valorizzazione dei contenuti user-generated nelle nostre strategie di comunicazione online.

Ben Hammersley

Teorico dell’innovazione digitale

Internet e reti digitali

Scrittore e futurologo impegnato a livello accademico, istituzionale e giornalistico, è tra i più autorevoli studiosi degli effetti culturali e sociali di Internet. Le teorie innovative che ha voluto condividere con Pomilio Blumm sono ispirazione preziosa per le nostre azioni di social media e community management.

Jung Chang

Scrittrice cinese bestseller mondiale

Storytelling

Autrice di “Cigni Selvatici”, ad oggi il libro più letto al mondo sulla Cina, e dell’imponente e accurata biografia “Mao. La storia Sconosciuta”. È riuscita a fare del linguaggio un’arte civile al servizio di trasparenza, identità e cittadinanza: gli stessi valori che ispirano da sempre le nostre attività di comunicazione.